“Se salta l’Europa, addio autonomia”

(intervista pubblicata sul quotidiano Alto Adige del 20 ottobre 2018)

Advertisements

Perspectives on Comparative Federalism


(article published on http://50shadesoffederalism.com/theory/perspectives-on-comparative-federalism/ on 15 October 2018)

Abstract

The number of countries embracing federalism is rocketing and research on federalism is booming. Federal studies are eventually abandoning the vain search for definitional clarity, and increasingly look at the potential of federalism to provide solutions to some of the most pressing challenges to contemporary constitutionalism. Federalism is indeed the oldest institutional mechanism to regulate pluralism, and has therefore a lot to offer in solving contemporary challenges originating from the quest for more pluralism, both institutional and societal.

Introduction: Living (well) without a Definition

The number of countries embracing federalism is rocketing (Huegelin and Fenna 2015:3) and federal studies are booming, despite the fact that no one can precisely define federalism. The good news, however, is that the hysteria about the search for a definition is relenting. Instead, a more pragmatic approach to federal issues is spreading. This will hopefully allow federal studies to address some of the most pressing challenges to contemporary constitutionalism, bringing in an essential perspective and offering solutions based on century-long refinement of federal instruments.

Defining federalism and classifying federal states have kept scholars busy for centuries, filling libraries in the process. Nevertheless, there is no universal agreement on what federalism means (Gamper 2005), nor is there agreement on how to classify federal countries (Watts 2008). Nor can there be one. Federalism is an essential component of theory and practice of states and power structures, but the federal principle is indeed much older than the modern and even the pre-modern state (Burgess 2006). In fact, federalism is at the heart of one of the most pressing challenges in the history of mankind: how to order public life and how to limit, organise and regulate power in a way that guarantees freedom and efficiency, unity and plurality, autonomy and coordination. This is why it can be seen in different ways, under different disciplinary angles, taking different features into account and coming to very different results as to the identification of traces of federalism.

In recent times, the study of federalism seems to have been gradually abandoning the obsession to define federalism, and reorienting focus towards its manifestations. A pragmatic approach that resembles the famous definition of obscenity by Justice Potter Stewart in Jacobellis v.Ohio, 378 U.S. 184 (1964): “I shall not today attempt further to define the kinds of material I understand to be embraced within that shorthand description; and perhaps I could never succeed in intelligibly doing so. But I know it when I see it”. Precisely because of the absence of any possible definition of federalism going beyond the general formula by Elazar “self-rule plus shared rule” (Elazar 1987, Müller 2017), growing attention is being paid in more recent literature to the institutions and the procedures of federalism (Halberstam 2012, Huegelin and Fenna 2015, Palermo and Kössler 2017). Ultimately, it is their functioning that makes machines interesting, rather than what qualifies them as machines.

Evolution and Consolidation

Against this background, why are federal ‘machines’ interesting and popular like never before and what are the most pressing research questions for contemporary comparative federal studies?

When the idea of federalism was born, it was primarily a philosophical concept and a principle of political organization, essentially serving economic and military purposes. In legal terms, the early idea of federalism was closer to international rather than constitutional law, aimed at bringing together sovereign units that alone were no longer competitive in economic and military terms.

The more federal countries established themselves (in the nineteenth century) and significantly increased in number (in the twentieth century), the more federalism became noteworthy not only to political philosophers and political scientists, but also to constitutional lawyers and economists. All of these methodological perspectives facilitated the study of how federal systems (both classical federations and related manifestations such as regional or devolved states) work in practice, what elements they have in common, how their functioning can be improved, and, above all, what institutions and procedures are needed in order to make them work.

In the twenty-first century, the challenge is no longer the creation of new federations by pooling together sovereign states, as the example of the EU and the insurmountable obstacles to it becoming a fully-fledged federal state clearly shows. Even the establishment of federal systems through decentralization has lost the grip it had in the course of the second half of the twentieth century (Belgium, Spain, Italy, United Kingdom, South Africa and so on). The federal idea is by now sufficiently explored. Institutional strengths and weaknesses are well-known, and so is the importance of cooperative instruments and of the readiness to cooperate by the involved actors, as there can be no federalism without a certain degree of cooperation.

What does really matter? The Challenges Ahead?

While all this seems to be consolidated, the critical test that remains is the effective management of pluralism and its inherent complexity, given the challenges that pluralism is posing to contemporary societies. Federalism is the most developed constitutional instrument to deal with the pluralism of interests, actors, institutions and procedures marking contemporary societies, and can represent the matrix for dealing with their challenges. To do so, however, federalism can no longer be seen as a pure institutional interplay, a system accommodating the coexistence of institutions belonging to different tiers of government but has to include the understanding of how federalism works (or may work) in practice, what its added value could be and how it could be developed. Institutional facets are just one aspect of the contribution that federalism can provide to contemporary challenges: they are the historically most developed aspect and are thus fit to serve as a matrix for developing new instruments, but alone are by far no longer sufficient to make federalism relevant in the twenty first century.

The most pressing areas which could benefit most from hints and inputs from federal studies seem to be the following:

The first and most important one is the management of pluralism, in its various territorial, ethno-cultural and other manifestations. While this has always been the core task of federal systems, recent developments seem to indicate that all countries that are decentralizing do so in order to respond only to ethno-cultural challenges (Choudhry 2008, Broschek 2013:101). This seems confirmed by developments in countries such as Ethiopia, South Sudan, Kenya, Nepal, Myanmar, possibly the Philippines, and by adaptations in several other countries, also in Europe, where ethno-cultural issues are shaping federal dynamics much more than other elements and certainly more than in the past. If that is the case, one could argue that in present times federalism is seen, rightly or wrongly, at least at political level, primarily as an instrument to accommodate minority claims. If so, greater attention should be paid to rule of law instruments that balance the idea of exclusive control of a territory by a titular group (Kössler 2015).

The second main challenge is that of participation. This has also been an essential element of the federal toolkit from the inception. However, traditional institutional forms of (territorial) participation are no longer sufficient to establish a workable system, as shown by the ongoing crisis of second chambers in federal and regional systems (Gamper 2018). Not only are rules on participation essentially procedural, determining who can participate, how, under which conditions, exercising what rights, and – not least – what are the consequences of inclusion in or exclusion from the process (for example, whether those excluded have the right to challenge the decision in a court or not). In present times, the pressure towards more democratic and participatory decision-making makes it necessary to look beyond merely institutional participation and to include (and regulate) also forms of societal participation (Palermo and Alber 2015). The ways non-institutional stakeholders can be included in decision-making processes can more easily be designed by digging into the federal toolkit.

Finally, it is necessary for federal studies to look more carefully at policies, including how they are managed on the basis of legal norms and how they are interpreted by courts (Palermo and Kössler 2017). Only the analysis of relevant policy fields, both related to the constitutional division of powers and to the political processes, can illustrate the trends and challenges resulting from the governance of complex and transversal areas involving a plurality of actors, such as the environment, education, financial relations, immigration, and many others, forcing involved actors to develop effective forms and procedures for cooperation. In other words: making federal studies fit to provide responses to contemporary challenges of an ever more complex forms of governance of ever more complex phenomena in ever more complex societies.

Conclusion

It is expected that looking further into these aspects will be the main challenge for federal studies in the years to come. These are ultimately some of the main challenges of contemporary constitutionalism and are the reason why federalism is looked at with increased attention worldwide. Diversification of responses within a common constitutional framework allows for tailor-made solutions, for experimentation, for wider participation, for enhancing democracy by dividing and sharing powers. It is up to the academic community to take up this challenge and to provide answers that can be developed from a contemporary reading of the solution and procedures that federalism can offer.

 

Suggested Citation: Palermo, F. 2018. ‘Perspectives on Comparative Federalism’. 50 Shades of Federalism. Available at: http://50shadesoffederalism.com/theory/perspectives-on-comparative-federalism/

 

Bibliography

Broschek, J. 2013. ‘Between Path Dependence and Gradual Change: Historical Institutionalism and the Study of Federal Dynamics’, in Benz A. and Broschek J. (eds). Federal Dynamics: continuity, change and the varieties of federalism. Oxford: Oxford Univ. Press, 93-113

Burgess, M. 2006. Comparative Federalism: Theory and Practice, Abingdon: Routledge

Choudhry, S. (ed.) 2008. Constitutional Design for Divided Societies, Oxford: Oxford Univ. Press

Elazar, D.J. 1987. Exploring Federalism. Tuscaloosa, AL: University of Alabama Press

Gamper, A. 2005. ‘A “Global Theory of Federalism”: The Nature and Challenges of a Federal State’. German Law Journal (6), 1297-1318

Gamper, A. 2018. ‘Representing Regions, Challenging Bicameralism: An Introduction’. Perspectives on Federalism 2, I-IX

Halberstam D. 2012. ‘Federalism: Theory, Policy, Law’ in Rosenfeld M. and Sajó A. (eds.). The Oxford Handbook of Comparative Constitutional Law. Oxford: Oxford Univ. Press, 576-608

Hueglin, T. and Fenna, A. 2015. Comparative Federalism. A systematic Inquiry. 2nd ed. Toronto: Broadview Press

Kössler, K. 2015. ‘Conclusions: Beyond the Illusion of Ethno-culturally Homogenous Territory’ in Malloy T. and Palermo F. (eds.) Minority Accommodation through Territorial and Non-Territorial Autonomy. Oxford: Oxford Univ. Press, 245-272

Mueller, S. 2017. ‘Self-rule and Shared Rule’. 50 Shades of Federalism. Available at: http://50shadesoffederalism.com/theory/self-rule-shared-rule/

Palermo, F. and Alber E. (eds) 2015. Federalism as Decision-Making. Leiden-Boston: Brill

Palermo, F. and Kössler, K. 2017. Comparative Federalism. Constitutional arrangements and case law, Oxford and Portland: Hart

Watts, R.L. 2008. Comparing federal systems. 3rd ed. Montreal and Kingston: McGill and Queen’s Univ. Press

 

Further reading

Birch, A. (2006). Approaches to the Study of Federalism. Political Studies 14(1), 15-33

Hueglin, T. (2003). Federalism at the Crossroads: Old meanings, new significance. Canadian Journal of Political Science / Revue canadienne de science politique Vol. 36, No. 2, 275-294

Gagnon, A, Keil, S. and Mueller S. (eds.) (2015). Understanding Federalism and Federation. London: Routledge

Kincaid, J. (ed.) 2011. Federalism. 4 volumes anthology. London: Sage

Se Langer torna in Medio Oriente

(pubblicato sul quotidiano Alto Adige del 09 ottobre 2018 con il titolo “Premio Langer in Medio Oriente”)

Il Premio Langer 2018 è stato assegnato all’Istituto Arava per le Scienze Ambientali, che ha l’obiettivo di formare professionisti ambientali del e nel Medio Oriente e di contribuire ad alleviare il conflitto israelo-palestinese attraverso la collaborazione ambientale. Con questo premio viene ribadita l’attualità di tre aspetti fondamentali del pensiero e dell’opera di Langer.

Il primo è il ruolo dell’ambiente come veicolo di pace. L’Istituto premiato è consapevole della difficoltà di affrontare di petto il conflitto israelo-palestinese. Nel contesto attuale questo è anzi impossibile. Esistono però modi per aggirare, smontare, depotenziare il conflitto, attraverso azioni concrete sui temi di interesse comune. Uno di questi, forse il più importante, è l’ambiente. L’Istituto Arava è stato fondato nel 1996, nel sud est di Israele, in un territorio desertico e di confine. Da allora il clima è decisamente peggiorato, sia a lvello politico, sia in chiave ambientale. Da un lato si è avuto un avvitamento del conflitto, in un contesto nazionale, regionale e internazionale sempre meno favorevole. Dall’altro vi sono stati il cambiamento climatico, l’accrescita desertificazione, la scarsità idrica, il degrado ambientale. La tutela dell’ambiente e la gestione oculata delle risorse sono interesse di tutti: solo la collaborazione può salvare l’ambiente e solo la pressione ambientale può convincere che l’accordo è più produttivo del conflitto. Perché lo scontro per le risorse è una delle principali sfide del futuro, come si vede dal collegamento tra degrado ambientale e migrazioni. La pace, non solo in Medio Oriente, passa da una gestione attenta delle sfide ambientali.

Continue reading

Sull’Ungheria il rischio boomerang

(pubblicato sul quotidiano Alto Adige del 25 settembre 2018)

Il 12 settembre il Parlamento europeo ha approvato la risoluzione che attiva il procedimento nei confronti dell’Ungheria per accertare se questa abbia compiuto una violazione sistematica dei valori fondativi dell’Unione europea e se persista una minaccia allo Stato di diritto. È un passaggio assai significativo sotto il profilo politico, perché è la prima volta che il Parlamento europeo utilizza questo strumento. Soprattutto, il voto ha provocato una spaccatura all’interno del Partito popolare europeo (PPE), cui appartiene anche Fidesz, il partito del Primo ministro ungherese Orbán. La maggioranza dei parlamentari del PPE ha votato a favore della risoluzione e dunque contro Fidesz, consentendo il raggiungimento dei due terzi dei voti necessari per l’approvazione. È prevalsa dunque, seppur con fatica, la “linea Merkel” sulla “linea Orbán”.

Paradossalmente, però, un voto che vuole essere una reazione d’orgoglio e una dimostrazione di forza del Parlamento europeo contro l’erosione sovranista del ruolo dell’Unione in corso da qualche anno, rischia di trasformarsi in una prova di debolezza.

Innanzitutto le modalità di espressione del voto, e in particolare il computo delle astensioni (28 nel campo del PPE), sono state oggetto di contestazione e potrebbero essere impugnate davanti alla Corte di Giustizia. Un fantastico assist alle torie complottiste non a caso sostenute da Orbán nel suo discorso al parlamento europeo subito prima del voto.

Continue reading

Il voto del Parlamento europeo sull’Ungheria. Tanto fumo, poco arrosto e troppi deficit strutturali.

(pubblicato sulla Rivista Il Mulino (https://www.rivistailmulino.it/news/newsitem/index/Item/News:NEWS_ITEM:4482) il 24 settembre 2018)

Il 12 settembre il Parlamento europeo ha approvato la risoluzione che attiva il procedimento nei confronti dell’Ungheria per accertare la violazione sistematica dei valori fondativi dell’Unione europea e la conseguente persistente minaccia allo Stato di diritto.

Il voto è stato definito “storico” su tutti i principali media europei, e certamente lo è in quanto è il primo che il Parlamento europeo esprime ai sensi dell’articolo 7 del Trattato sull’Unione europea. Lo è anche per le sue indubbie conseguenze politiche, a partire dalla spaccatura che ha provocato all’interno del Partito popolare europeo (Ppe), cui appartiene anche Fidesz, il partito del Primo ministro ungherese Orbán. Com’è noto, la maggioranza (115) dei 219 parlamentari del Ppe ha votato a favore della risoluzione e dunque contro Fidesz, consentendo il raggiungimento della maggioranza dei due terzi dei voti necessari per l’approvazione (i favorevoli sono stati 448). Tra i voti popolari a favore quelli della Övp del presidente di turno austriaco del Consiglio europeo Kurz, e quello del capogruppo Manfred Weber, possibile Spitzenkandidat dei popolari alle imminenti elezioni europee, che sembra così scegliere la “linea Merkel” anziché la “linea Orbán”. Tra i 57 contrari, i voti degli eurodeputati di Forza Italia, che in pieno spirito europeista hanno adottato una decisione tutta in prospettiva nazionale, per non acuire le distanze dalla Lega, gran sostenitrice di Orbán.

Paradossalmente, però, un voto che vuole significare una reazione d’orgoglio del Parlamento europeo contro l’erosione sovranista del ruolo dell’Unione in corso da qualche anno, rischia di trasformarsi in una prova di debolezza.

Innanzitutto le modalità di espressione del voto, e in particolare il computo delle astensioni (28 nel campo del Ppe), sono state oggetto di contestazione e potrebbero essere impugnate davanti alla Corte di Giustizia. Un fantastico assist alle torie complottiste non a caso sostenute da Orbán nel suo discorso al Parlamento europeo subito prima del voto.

In secondo luogo, la procedura è stata attivata con molto ritardo. Il percorso di creazione di una “democrazia illiberale” (parole di Orbán) è in atto in Ungheria dal 2010, quando Fidesz e il suo leader indiscusso hanno assunto il potere, modificando immediatamente la costituzione (2011) e dedicandosi successivamente allo smantellamento dello stato di diritto. Queste violazioni sono state accertate già da tempo da organismi quali la Commissione di Venezia, e il Parlamento arriva già tardi. Figurarsi se e quando si dovesse esprimere il Consiglio, che è l’organo che ha l’ultima parola in merito.

Terzo, il voto si presta alla facile accusa di esprimere la politica dei doppi standard già da tempo criticata nell’Europa centro-orientale. Perché l’Ungheria sì e altri stati che seguono il medesimo corso come la Polonia invece no, o almeno non ancora? È forse una questione di dimensioni e di peso politico, anche all’interno delle istituzioni europee? L’utilizzo strumentale di questo argomento può facilmente aumentare il vittimismo che in molti Paesi (Italia compresa) si sta diffondendo nei confronti dell’Unione europea, fomentato con piacere da chi il progetto europeo intende sabotare.

Continue reading

Idea marxista per il doppio passaporto

(pubblicato sul quotidiano Alto Adige del 21 settembre 2018)

La soluzione del problema del doppio passaporto è a portata di mano e non è nemmeno particolarmente originale. Ma ci voleva un colpo di genio per mettere insieme tutti i tasselli. I primi ad averci pensato sono stati – guarda caso – due grandi politici e intellettuali austriaci, Karl Renner e Otto Bauer, oltre un secolo or sono. Quando i segnali di sgretolamento dell’impero austroungarico si stavano facendo pressanti, sotto la spinta delle rivendicazioni nazionalistiche delle parti non tedesche del vasto impero, la corrente di pensiero da loro autorevolmente rappresentata, detta austro-marxismo, propose di separare in modo visibile cittadinanza e nazionalità. In questo modo, pur all’interno di una cittadinanza comune, si sarebbe resa visibile, anche nei documenti di identità, la nazionalità di ciascuno, dunque la sua appartenenza etnico-culturale. Un passaporto austriaco avrebbe potuto dunque contenere la nazionalità croata, slovena, ceca, italiana, ecc.

Qualche anno dopo la questione della nazionalità divenne addiritura il fondamento dell’URSS, l’unione delle repubbliche socialiste, organizzate in soviet, ma basate su criteri etnici. La Georgia era la repubblica dei georgiani, l’Ucraina degli ucraini, l’Armenia degli armeni e via elencando, indipendentemente dall’intricata composizione etno-culturale di qui territori, che tutto erano fuor che omogenei. Ma un pochino bisogna pur semplificare, suvvia, mica si può sempre cercare il pelo nell’uovo. E quindi anche nei passaporti sovietici, che indicavano la cittadinanza pur ambendo a costruire nel tempo anche un’appartenenza identitaria e politica all’ideale dell’homo sovieticus, veniva indicata anche la nazionalità (moldava, estone, kirgiza, ecc).

Continue reading

Autonomia è l’opposto dell’isolamento

© Provincia Autonoma di Bolzano

(pubblicato sul quotidiano Alto Adige del 5 settembre 2018)

Questa giornata dell’autonomia è alquanto diversa dalle precedenti. Le incombenti elezioni suggeriscono un profilo più basso, e almeno sul piano della scelta dei temi si è optato per ambiti non immediatamente strumentalizzabili in chiave politico-elettorale. In verità, però, qualsiasi sfaccettatura dell’autonomia, anche quella apparentemente più innocua, non è mai neutra, perché il funzionamento dell’autonomia dipende molto dal contesto in cui si realizza. E dal contesto non si può scappare, fingendo che non esista. Perché l’autonomia si regge su due gambe: una è l’autogoverno, il fare da soli. L’altra, non meno importante, è la collaborazione, il fare insieme. Per camminare bene le due gambe non solo devono essere entrambe sane, ma devono muoversi in modo coordinato.

A Bolzano si è scelto il tema della competenza sulle strade, trasferite alla provincia vent’anni or sono attraverso una delle più significative norme di attuazione della fase successiva alla chiusura del pacchetto. Il tema può prestarsi a diverse letture. Quella rivendicativa dell’accumulo delle competenze come mera sottrazione di poteri e risorse allo Stato per trattenerli in loco, e quella propositiva della riflessione sul significato di autonomia come gestione di fenomeni interconnessi. Del resto, le strade non iniziano e non finiscono nel territorio provinciale, e la loro gestione è uno dei tanti esempi di come i livelli di governo debbano inevitabilmente integrarsi, non separarsi. Autonomia significa certo avere il potere di decidere, ma questo deve implicare la capacità di riflettere su cosa e come si decide e su come ci si relaziona con gli altri livelli di governo che inevitabilmente hanno un ruolo in tali decisioni. Per restare al tema delle strade: come ci si rapporta con i comuni (la questione della viabilità di Bolzano è ultimamente molto attuale) e con lo Stato e l’Unione europea in relazione all’interminabile vicenda della A22 e della sua natura giuridica? Analoghe considerazioni valgono per tutte le altre competenze provinciali. La divisione delle competenze è un mezzo, non un fine: è l’inizio dell’autonomia come gestione di fenomeni complessi, non la fine di un processo di mera acquisizione di potere.

Continue reading

Di minoranze, indifferenza e speranza

(pubblicato sul quotidiano Alto Adige del 29 agosto 2018)

Nel gennaio 2016 oltre mille intellettuali turchi firmano una petizione intitolata “non saremo complici di questo crimine”, un appello al governo di Ankara a fermare le operazioni militari nel sudest del Paese, la zona di insediamento della (non riconosciuta) minoranza curda. La petizione invita a trovare una soluzione pacifica e non militare per le zone curde, ma irrita il governo del Presidente Erdogan, specie perché non menziona il ruolo del partito comunista del Kurdistan (PKK), ritenuto da Ankara un’organizzazione terroristica, unica responsabile del conflitto. L’invito viene bollato come fazioso e unilaterale, e i suoi firmatari sono ritenuti complici dei terroristi e dunque dei traditori. Oltre 300 di loro sono professori e ricercatori di università pubbliche, soggetti al vincolo di fedeltà alla costituzione, e vengono per questo rimossi dal servizio.

Tra questi vi è Ulas, professore all’università di Mersina, nell’Anatolia meridionale. Ulas è curdo, ma non certo un simpatizzante del PKK. Quando aveva cinque anni, suo padre, militare dell’esercito turco, è stato ucciso dal gruppo separatista Apocular, che sarebbe poi diventato il PKK, il partito guidato da Abdullah Öcalan. Come gli altri firmatari, Ulas riteneva che solo il dialogo pacifico avrebbe potuto risolvere lo strisciante conflitto nel Kurdistan turco e che la repressione avrebbe portato solo a ulteriore violenza.

La situazione si aggrava ulteriormente in seguito al misterioso tentativo di colpo di stato in Turchia nell’estate del 2016. La repressione che ne deriva colpisce 145mila dipendenti pubblici, compresi oltre 5000 accademici, licenziati in tronco con un decreto emergenziale. Tra questi Ulas e gli altri professori già rimossi per la petizione. In un unico calderone vengono messi tutti i personaggi sgraditi, ‘nemici’ del governo (dello Stato, del popolo, dell ‘nazione’, la purga equipara tutto). Molti emigrano, specie in Germania. Anche la moglie e i figli preadolescenti di Ulas. Nonostante alcune offerte da università straniere, lui decide di restare, anche prima che gli venga tolto il passaporto, come a tutti gli altri. Andarsene è come abbandonare il campo e riconoscere la sconfitta. E l’ideale di pace non può essere sconfitto, altrimenti non vale la pena di vivere.

Continue reading

Come ti annullo i contrappesi (e il diritto all’aborto)

(pubblicato sul quotidiano Alto Adige del 25 agosto 2018 con il titolo “Trump, come ti annullo i contrappesi”)

Una delle prossime battaglie di Trump sul fronte interno avrà ad oggetto l’aborto. A fine giugno la Corte Suprema ha pronunciato una sentenza assai controversa, in cui ha affermato (a maggioranza di 5 giudici contro 4) che uno Stato (in quel caso la California) non può costringere un centro per la salute riproduttiva a informare i pazienti sulla possibilità di abortire. Per i giudici la libertà di espressione deve includere anche la libertà di omettere qualcosa, perfino in tema di salute. La stessa Corte (ma non gli stessi giudici) che aveva riconosciuto risarcimenti milionari ai fumatori perché i produttori di sigarette non avevano scritto sui pacchetti che il fumo fa male, in tema di aborto ammette ora che in nome della libertà di informazione si possano non informare le donne della possibilità legale di abortire. La cosa fa ancora più impressione se si pensa che gli Stati Uniti sono pieni di cartelli che appaiono idioti (tipo “non gettarsi dal ponte”) perché dietro ad ogni cartello c’è una causa milionaria. La gente dev’essere avvertita delle possibili conseguenze di ogni azione, comprese le più ovvie. Ma evidentemente non in tema di aborto.

Pochi giorni dopo la sentenza è arrivata la prima nomina di Trump alla Corte Suprema. Ovviamente è un giudice antiabortista. Ma il punto non è (solo) il prevedibile attacco all’aborto, per quanto gravissimo. La questione riguarda anche la modalità della nomina e la sua inevitabile ricaduta sul modo di fare politica. Ed è il sintomo di qualcosa di ancora più serio.

Continue reading