3 thoughts on “…inizia la riforma costituzionale? Francesco Palermo risponde

  1. Gentile Senatore Palermo, innanzitutto la ringrazio per gli aggioornamenti. Molti parlamentari oramai lo fanno, ma (troppo?) spesso per seguire litigi e scontri interni ai partiti o tra gruppi, anzichè riguardo ai lavori veri e propri. Lei è una eccezione.
    Nello specifico questo suo intervento mi spinge ad un commento.
    Confesso prima la mia posizione generale. A mio avviso le modifiche costituzionali sono legittimate unicamente dal voto popolare, e il quorum è un ostacolo al dibattito e in definitiva alla democrazia, che è discussione prima ancora che decisione.
    E in questo trovo la nostra costituzione gravemente mancante.
    Tra gli infiniti problemi che ha il metodo scelto per le riforme costituzionali ha il fatto che si sia scelto di farle approvare tramite referendum costituzionale indipendentemente dalla maggioranza che le approverà in seconda lettura era per me unica fonte di luce.
    Mi spiace quindi sentire i suoi dubbi sul punto. La risposta facile a questi dubbi è comunque la seguente:
    se dopo tutto questo lavoro una minoranza solo si recherà alle urne, e questa minoranza lo farà unicamente per bocciare le modifiche approvate a larga maggioranza dai legislatori, vorrà semplicemente dire che questi hanno fatto un pessimo lavoro.
    Lavoro che non consiste semplicemente nel redarre modifiche “teoricamente” ottimali, ma anche, e forse soprattutto, nell’informare e convincere i cittadini della loro necessità e bontà.
    Tenere un dibattito il più possibile pubblico, anzichè a porte chiuse, utilizzare tutti i mezzi necessari per comunicare la ratio dei provvedimenti proposti e le posizioni favorevoli e contrare è un prerequisito fondamentale per la “democraticità” della discussione e la legittimità delle decisioni.
    Se questo non ci sarà, sarà inutile lamentarsi se queste modifiche, per quanto teoricamente buone e condivise dai parlamentari, saranno respinte dall’elettorato.
    Personalmente comunque avrei preferito una convenzione per le modifiche della costituzione sul modello irlandese. Con tutti i suoi problemi certo, ma mi sento di condividere quanto scrive il suo presidente nella presentazione sul sito web della convenzione: “it is your Constitution and only you can change it”.
    Non da un gruppo di saggi sconosciuti ai più e scelti con criteri del tutto opachi.
    Per quanto poi riguarda la condivisione all’interno del parlamento, vale la pena di ricordare che non abbiamo un sistema di voto proporzionale. Per cui anche una “supermaggioranza” dei 2/3 non rappresenterebbe affatto analogo orientamento dei cittadini.
    Il pericolo di sottrarre all’elettorato le modifiche costituzionali sia pure con supermaggioranze quantomeno in presenza di sistemi elettorali non proporzionali credo sia bene esemplificato da quanto accaduto dopo le elezioni del 2010 in Ungheria.

    • Dice bene,la riforma funziona e penetra nella società solo se condivisa dai cittadini. Il referendum può essere un passaggio fondamentale,ma se fosse l’unico strumento di partecipazione servirebbe a poco e potrebbe perfino essere controproducente. Se invece sarà il passaggio finale di un percorso di coinvolgimento,con strumenti appositi (come in islanda,ma anche come fatto per la convenzione europea) e soprattutto con un ruolo fondamentale e realmente informativo dei media allora ha un senso. E su questo sono poco ottimista,ma speriamo bene. Certo non aiuta la retorica del “tanto queste cose non interessano ai cittadini”,perché,anche se vero,non c’è riforma che possa funZionare. Comunque per provare a fare un passo nella giusta direzione appoggerò uno degli emendamenti proposti dai 5 stelle che prevede di obbligare il servizio pubblico a fare adeguata informazione sul percorso di riforma. Da domani iniziano in commissione

  2. Pingback: É la tua Costituzione, e solo tu puoi cambiarla | Più Democrazia in Trentino

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s