La riforma costituzionale illustrata – 2 Il Senato

senato(pubblicato sul quotidiano Alto Adige del 16 luglio 2016 con il titolo “La radicale riforma del Senato”)

L’aspetto più noto e discusso della riforma riguarda il Senato, che sarà modificato radicalmente. Vi è da decenni un consenso quasi unanime, tra politici e studiosi, sulla necessità di abbandonare il cosiddetto bicameralismo perfetto, ossia un parlamento composto da due camere con gli stessi poteri e composte in modo analogo. La riforma non tocca la Camera dei Deputati mentre incide profondamente su funzioni e composizione del Senato. Il Parlamento resta bicamerale, ma solo i deputati rappresenteranno “la nazione”, mentre il Senato rappresenterà “le istituzioni territoriali” (art. 55). Conseguentemente, il rapporto di fiducia col governo sarà riservato alla sola Camera e anche nell’attività legislativa la Camera avrà un ruolo dominante.

Il Senato disegnato dalla riforma sarà composto da 95 senatori rappresentativi delle istituzioni territoriali e da 5 che possono essere nominati (per 7 anni) dal Presidente della Repubblica. I 95 saranno eletti dai Consigli regionali (e delle province autonome) in numero proporzionale alla popolazione. Nessuna regione o provincia autonoma può averne un numero inferiore a due: la Lombardia ne avrà dunque 14 e poi via via a scendere, anche se ben 10 regioni/province avranno due soli senatori. E così ad es. la Liguria (1.500.000 abitanti) avrà 2 senatori e il Trentino-Alto Adige (poco più di un milione) 4. Ogni consiglio eleggerà un sindaco e il numero di consiglieri necessario per raggiungere la sua quota di senatori. In prima applicazione e fino all’entrata in vigore della legge che disciplinerà a regime l’elezione dei senatori, i consiglieri regionali eleggono i senatori votando una lista formata da consiglieri e da sindaci: in pratica, poiché la distribuzione dei seggi sarà fatta col metodo proporzionale, i senatori di una regione non saranno tutti della maggioranza regionale ma in proporzione alla consistenza dei gruppi politici nei consigli. Nella Provincia di Bolzano inoltre, i due senatori (il sindaco e il consigliere provinciale) saranno eletti separatamente perché dovranno appartenere a gruppi linguistici diversi. La durata del mandato dei senatori coinciderà con quella delle istituzioni territoriali di provenienza, per cui saranno costantemente rimpiazzati i senatori il cui mandato “originario” di consiglieri regionali o sindaci scada.

Come si ricorderà, in sede di esame parlamentare della riforma ci fu un aspro confronto sull’elezione dei senatori: il governo insisteva sull’elezione indiretta, mentre una parte consistente del parlamento chiedeva l’elezione popolare. Ne è risultato un compromesso piuttosto oscuro, per cui l’elezione è svolta dai consigli regionali ma “in conformità alle scelte espresse dagli elettori per i candidati consiglieri in occasione del rinnovo dei medesimi organi”. Come ciò debba avvenire in concreto è ancora da capire e sarà definito dalla legge statale.

Continue reading

La riforma costituzionale illustrata – 1 Gli obiettivi

costituzione(pubblicato sul quotidiano Alto Adige del 9 luglio 2016 con il titolo “Gli obiettivi. Primo passo dell’analisi”)

In autunno (la data non è ancora fissata) i cittadini italiani maggiorenni saranno chiamati al voto per il referendum confermativo sulla riforma della costituzione, approvata a maggioranza assoluta dai due rami del parlamento. La consultazione non ha un quorum di validità: se prevarranno i sì, la riforma entrerà in vigore, se vinceranno i no rimarrà valido il testo attuale.

Sarà un voto secco, sì o no, che non consentirà sfumature. Anche se qualcuno propone un impossibile “spacchettamento” dei quesiti, la riforma andrà presa o lasciata in blocco. È una scelta difficile, perché ci sono parti buone e parti meno buone, aspetti che possono piacere o meno, elementi in grado di funzionare bene e altri il cui funzionamento è assai improbabile. Ma la decisione sarà sì o no e ciascuno sceglierà in base alle proprie valutazioni e convinzioni.

Iniziamo dal quadro generale e dagli obiettivi. L’idea di riformare la costituzione, in particolare per ciò che attiene alla forma di governo e ai rapporti tra Stato e Regioni, è tutt’altro che nuova: il cantiere delle riforme costituzionali è aperto da 33 anni, dall’istituzione della “Commissione Bozzi” nel 1983. Sono seguiti vari passaggi e tentativi di riforma, molti dei quali naufragati in parlamento, uno respinto dal referendum nel 2006 e uno andato a buon fine dopo il referendum del 2001.

Questa è però la revisione costituzionale più ambiziosa: va a toccare 45 articoli su 139 (anche se alcune sono modifiche solo formali) e prevede un ampio riassetto del funzionamento della macchina istituzionale. Non vengono invece toccate le disposizioni relative ai diritti (ed è forse un’occasione persa per un loro aggiornamento) né quelle riferite alla loro garanzia, non modificandosi nulla del titolo IV della parte II (sulla magistratura), né dell’art. 100 relativo a Consiglio di Stato e Corte dei conti.

Continue reading